Nuovo Insegnamento audio: Vedere la Verità con una Mente Quieta  . . . Prossimi Insegnamenti: Australia: 19 Settembre - 17 Ottobre 2017 ... Grecia: 7 Ottobre - 8 Ottobre 2017 ... Giappone: 13 - 15 Ottobre 2017 ... Italia: 21 - 22 Ottobre 2017 ... Per Dettagli Visitare :Programma degli Insegnamenti

Come si definisce 'Essere nel Mondo ma non del Mondo?'

L'intera esistenza umana è pervasa da tutta la potenzialità di insoddisfazione che si manifesta continuamente come risultato della maturazione delle formazioni karmiche generate in precedenza dalle nostre azioni passate. Mentre il ritmo e l'intensità della maturazione degli effetti karmici sono regolati dalle dinamiche di tempo, spazio e la condizione del loro stato attivo o potenziale, nessun essere senziente può venire ad esistere nel regno fisico senza la presenza degli aggregati psicofisici di materia fisica, risposte sensoriali, reazioni percettive, impressioni emozionali e coscienza mentale grezza. Questi cinque condizionati aggregati causali, composti da un costantemente mutevole assemblaggio di fattori fisici e mentali, sono, come insieme, una delle due principali cause dell'insorgere dell'insoddisfazione nel mondo, l'altra causa è l'ambiente in cui la sofferenza si verifica.

Nonostante la prevalenza di insoddisfazione nel mondo, non vi è alcuna necessità di sottoporre se stessi ad un'esistenza guidata dalla natura della sofferenza, poichè la realtà della sofferenza che esperiamo è totalmente dipendente dal grado del nostro attaccamento alle illusioni. Indipendentemente dal successo che si raggiunge nella ricerca di fama e fortuna, non si può sfuggire all'arrivo della vecchiaia, della malattia e della morte. Niente è infinito. Tutte le forme e la materia del regno fisico prima o poi decadono nel dimenticatoio, poichè ciò che nasce dalla forma svanirà nella dissoluzione della forma. La vita per l'uomo di fede non ha uno scopo diverso da quello di incanalare la propria energia verso la liberazione di tutti gli esseri senzienti. Il Signore Shakyamuni Buddha, nella tradizione di essere nel mondo ma non del mondo, ha condiviso le piene facoltà dell'essere umano, ma la sua azione è stata sempre della più pura compassione ed infinita saggezza.