Nuovo Insegnamento audio: Vedere la Verità con una Mente Quieta  . . . Prossimi Insegnamenti: Australia: 19 Settembre - 17 Ottobre 2017 ... Grecia: 7 Ottobre - 8 Ottobre 2017 ... Giappone: 13 - 15 Ottobre 2017 ... Italia: 21 - 22 Ottobre 2017 ... Per Dettagli Visitare :Programma degli Insegnamenti

Vaishravana Virupaksa

Sin da quando la pratica dello Yoga dell'Energia (Qigong Buddista) e la dottrina del Dharma Buddista della tradizione Chan  (Zen) sono stati introdotti in Cina dal Grande Maestro Indiano Bodhidharma (Damo) ai monaci del Monastero Shaolin per rafforzare il loro corpo, mente e spirito nella ricerca degli studi Buddisti, la fusione di Meditazione Buddista, Qigong (Tsa Lung) e Arti Marziali si è evoluta in una unica branca di pratica del Dharma, che si concentra sul raggiungimento di uno stato di Unificata Unicità dell'Univoco Equilibrio di Meditazione Chan con quello della disciplina fisica dello Yoga dell'Energia e delle Arti Marziali; un processo che si caratterizza per il riacutizzarsi di consapevolezza interiore profonda del vero stato della realtà e la realizzazione della propria natura originaria.

L'obiettivo finale del praticante di Dharma Buddista è quello di generare la Mente Risvegliata della Compassione e Consapevolezza con cui i maggiori benefici per il maggior numero di esseri senzienti possono essere realizzati. Questo cammino di risveglio comincia con l'abbracciare la disciplina sul corpo, parola e mente che porta alla stabilità di queste tre porte di espressione. Senza la stabilità nel corpo, nella parola e nella mente, non è possibile portare armonia a se stessi. Senza l'armonia in se stessi è impossibile portare la pace nel mondo.

Allo stesso modo, il più alto pinnacolo di studio delle Arti Marziali è totalmente non violento e non può essere raggiunto con la pratica fisica da sola. Se esaminiamo il carattere cinese della parola 'marziale', vedrete che è composto da due parole distinte: 1 - per eliminare, 2 - alabarda, un'antica arma di guerra. Insieme, esse riflettono il vero significato di ciò che implica 'arte marziale', il mezzo per portare armonia ai conflitti del mondo. L'aspetto fisico dello studio delle arti marziali non è mai quindi destinato ad essere separato da quello spirituale. In verità, l'arte marziale nella sua forma più pura è un approccio spirituale per portare la pace nel mondo. Questo spiega perché i fondatori del lignaggio del Kung Fu Shaolin, del Kung Fu Wing Chun , del Lui Ho Pa Fa, Bagua Zhang e Taiji Quan, come Bodhidharma (il primo patriarca del buddismo Chen), la monaca buddista Ng Mui Shi Gu, il grande eremita Chen Hsi Yi, Tung Hai Chuan e Cheng San Feng erano tutti Maestri Buddisti Realizzati o Realizzatori Solitari del Sentiero Spirituale. Questo è il motivo per cui l'obiettivo originale di tutte le Arti Classiche Cinesi Esterne ed Interne era quello di armonizzare l'espressione del Corpo, della Parola e della Mente con quella del Qi, dello Spirito e del Movimento del Cielo e della Terra, in conformità con la Via del Realtà Assoluta. I loro principi unificati di wu-wei [naturale, non interferenza], sono lo sviluppo diretto di attuazione del principio del Sentiero Spirituale - il Sentiero Del Dharma Vivente Che Porta Armonia nel Mondo.

Per saperne di più sul Qigong e Arti Marziali Cinesi, clicca qui sotto:

Introduzione al QigongIntroduzione alle Arti Marziali Cinesi